Travel blogger & Travel Designer

In giro per il mondo: Europa Italia Sicilia

La Riviera dei Ciclopi

5 Settembre 2021

La Riviera dei Ciclopi

Ma la Riviera dei Ciclopi, sulla costa orientale della Sicilia a nord di Catania, perché si chiama così?

Il tratto di costa che parte da Acireale e arriva fino ad Aci Castello è conosciuto come Riviera dei Ciclopi per via dei miti e delle leggende legate a questa zona.

Luogo di ispirazione per Giovanni Verga, che ha ambientato qui “I Malavoglia”, ma ancor prima di lui questo luogo ha fatto innamorare sia Omero che Ovidio…

La Riviera dei Ciclopi e la leggenda di Aci e Galatea

Acireale, Aci Trezza, Aci Castello… Come mai? Ce lo racconta Ovidio nelle Metamorfosi con la leggenda di Aci e Galatea. C’era una volta Polifemo, il ciclope che abitava all’interno dell’Etna, che un giorno vide la ninfa Galatea e se ne innamorò perdutamente. Lei però in realtà era già innamorata di un giovane pastorello di nome Aci.

E così Polifemo, accecato dalla rabbia, scagliò un masso contro Aci e lo uccise. Galatea appena scoprì la morte del suo amato versò talmente tante lacrime da far impietosire gli dei dell’Olimpo che decisero di trasformare il sangue del pastorello in un piccolo fiume che nasce dall’Etna e sfocia proprio nel punto in cui i due innamorati erano soliti incontrarsi. Ed è proprio in onore di Aci che alcuni paesi della zona si chiamano così.

La leggenda dei Faraglioni dei Ciclopi

Ma non finisce qui perché Omero, nella sua celebre Odissea, ambienta un episodio proprio ad Acitrezza. Ulisse e i suoi compagni, una volta arrivati lì, decisero di avventurarsi in una grotta dove però, a loro insaputa, abitava il ciclope Polifemo che li catturò. Ma il nostro eroe, dopo una serie di battaglie, riuscì a render cieco l’unico occhio di Polifemo e a scappare via da lì.

Polifemo però, pieno di rabbia, anche in questo caso iniziò a scagliare pietre contro Ulisse e i suoi compagni in fuga stavolta però senza colpirli. E sapete oggi cosa narra la leggenda? Che questi massi lanciati da lui siano proprio i Faraglioni dei Ciclopi!

Ma la verità invece? Beh facile, essendo l’Etna molto vicino, questi scogli di pietra lavica sono frutto di eruzioni di mille mila anni fa. Anche se a me in realtà piace più credere che i Faraglioni siano davvero i sassi scagliati da Polifemo!

Iscriviti alla newsletter “Pillole dal Mondo”


Written by:



Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.