Travel blogger & Travel Designer

In giro per il mondo Sudamerica Uruguay

In giro per l’Uruguay: da Colonia del Sacramento a Montevideo

7 Marzo 2020

In giro per l’Uruguay: da Colonia del Sacramento a Montevideo

L’Uruguay è un paese meraviglioso! Tantissima natura, posti splendidi e meta talmente poco conosciuta dagli italiani da non avere neanche una guida tutta sua. Noi l’abbiamo scoperto per caso: il nostro viaggio inizialmente era dedicato solo all’Argentina. Ma il sogno di provare a conoscere il grandissimo Pepe Mujica (qui l’articolo), ci ha portati a spingerci un po’ più in là e a scoprire questo splendido paese.

Come raggiungere l’Uruguay dall’Argentina

Prima di partire abbiamo fatto un po’ di ricerche e, per raggiungere l’Uruguay dall’Argentina, ci sono ben tre modi: uno è l’aereo, che però non fa neanche in tempo a decollare che già atterra; un altro è il bus, che con circa 5 ore di viaggio partendo da Buenos Aires percorre tutto il tratto intorno al Rio de la Plata, sconfinando poi in Uruguay; e l’ultimo invece, decisamente più breve del secondo, è il traghetto.

Scelto il traghetto abbiamo però scoperto che le tratte da Buenos Aires verso l’Uruguay sono due: Colonia del Sacramento e Montevideo. Altre ricerche per noi che ci hanno portati a decidere di salpare a Colonia e di prendere il bus per Montevideo il giorno successivo. Ma perché abbiamo scelto Colonia del Sacramento?

Colonia del Sacramento

Colonia del Sacramento, è una graziosa cittadina dell’Uruguay, una delle più antiche, situata sull’estuario del Rio de la Plata. Per anni è stata contesa da spagnoli e portoghesi, perché da questa piccola cittadina, chiamata la chiave dei fiumi, si potevano controllare sia le navi provenienti dal Rio Paranà che quelle in arrivo dal Rio Uruguay. E oggi, grazie alla sua bellezza, è dichiarata patrimonio dell’umanità dall’Unesco.

Essendo così vicina all Argentina, è meta turistica nei weekend: infatti il Sabato e la Domenica è molto più affollata. Ma noi, da bravi viaggiatori, siamo arrivati lì in un primo pomeriggio settimanale: pranzo veloce con empanadas e torta al dulce de leche (le mie dipendenze di quel viaggio) e poi via, alla scoperta di questa graziosa cittadina.

Cosa vedere a Colonia del Sacramento

Il centro storico

Vie acciottolate, casette colorate e il Rio de la Plata tutt’intorno, il centro storico sorge su una piccola penisola sul fiume. Dal traghetto è la prima parte di Uruguay che si intravede, prima piccino in lontananza fino ad arrivare a percorrerlo tutto prima di attraccare al porto.

Marilena Pepe Donne in Giro Consulente di viaggi Sudamerica
Porton Del Campo

Il Porton de Campo è la porta antica della città vecchia, e da lì inizia tutto il centro storico. Calle de los Suspiros è la via più antica e famosa, costeggiata da casette colorate come tutta la parte vecchia, che ti conduce fino in riva al fiume. Sul Faro di Colonia, costruito intorno al 1800 e ancora funzionante, è possibile salire negli orari di apertura per poter godere di uno stupendo panorama della città e del Rio de la Plata.

Donne in giro Travel designer Uruguay
Calle de Los Suspiros
Il Faro di Colonia

Passeggiare per Colonia del Sacramento è un po’ come fare un salto indietro nel tempo. Bisogna però girarla sia di giorno, per scoprire ad ogni passo degli scorci stupendi, sia di sera, per ammirare illuminata la basilica del paese, il Santisimo Sacramento, e magari cenare in uno dei localini li davanti nella piazza, in un’atmosfera molto piacevole e rilassante. La cucina è squisita anche qui come in Argentina!

Santisimo Sacramento

Ma non solo a notte fonda, prima del tramonto ci siamo fatti una passeggiata nelle vie vicine al centro storico, anche lì intorno un sacco di case colorate. Ma non è tutto. Sapete che quella passeggiata mi ha trasportata a quando da piccola andavo giù al paese da mia nonna? Di sera, tutti seduti fuori, davanti alle loro porte di casa, a parlare del più e del meno. Ecco così anche a Colonia del Sacramento, aggiungendo però che tutti bevevano mate e che al nostro passaggio ci chiedevano da dove venissimo e ci davano il benvenuto. Spettacolo!

I tramonti uruguayani

Io ancora non capisco come facciano a venir fuori dei colori così durante i tramonti in Uruguay. Senza parole, mai visti di più belli nella mia vita!!! Il fiume che di giorno è marroncino, al tramonto non si capisce perché, ma diventa blu. E nel cielo si presentano delle sfumature rosa acceso che fanno sembrare tutto ciò un quadro dipinto, non la realtà. Ma dei tramonti uruguayani ve ne parlerò ancora, perché ovunque in questo paese, il cielo a quest’ora del giorno assume dei colori che neanche pensavo esistessero!

donne in giro travel designer uruguay
Tramonto a Colonia del Sacramento

Da Colonia del Sacramento a Montevideo

La mattina successiva abbiamo preso il bus per Montevideo dalla stazione centrale di Colonia del Sacramento, situata nei pressi del porto. Due ore di bus, diretto, tra le strade della campagna uruguayana, su cui abbiamo potuto constatare ciò che dice sempre Pepe Mujica: “Venite a vivere in Uruguay, è un paese splendido ma soprattutto ci sono più mucche che uomini e c’è un sacco di posto!”. Ed è davvero così ve lo giuro, in 200 km circa di strada, abbiamo visto tantissimi greggi e pochissime case!!!

Montevideo

L’arrivo a Montevideo è a Tres Cruces, uno dei bus terminal più grandi di tutto il Sudamerica. All’interno sembra di essere in aeroporto tra gate, bar, scale mobili e check in! Non è troppo lontano dal centro, noi abbiamo preso un taxi che ci ha portato all’ufficio di noleggio auto e da lì ci siamo diretti al nostro bed and breakfast.

Arrivo al Tres Cruces

Cosa vedere a Montevideo

La Rambla di Montevideo

Montevideo è la capitale più piccola del Sudamerica e, come di tutto l’Uruguay, se ne conosce ben poco. Ad esempio lo sapevate che questa città ha un luogo di nome Rambla, proprio come quella di Barcellona? Ma le accomuna solo il nome perché nella città spagnola è un’unica via mentre a Montevideo è la strada affacciata al mare che costeggia tutta la città e cambia in continuazione denominazione. Ad esempio c’è la Rambla Republica Argentina, quella del Perù ma anche quella di Francia e quella di Gandhi.

E in questa strada che soprannominerei “tutto il mondo è paese”, la gente passeggia, corre o semplicemente si ritrova. Un balcone sul fiume, Montevideo è affacciata sul Rio de la Plata e ha un sacco di spiagge lunghissime che, specialmente nei weekend, sono affollatissime. E il tramonto visto dalla Rambla, seduti sul muretto che si affaccia sulla spiaggia, è stato splendido. Diverso da vederlo in riva al mare o in mezzo ad un prato, ma comunque splendido.

Tramonto dalla Rambla di Montevideo

La Ciudad Vieja

La Ciudad Vieja di Montevideo inizia da Plaza Indipendencia, la piazza più famosa e più grande di tutto il centro storico. Strade acciottolate, bancarelle, negozi e deliziosi ristorantini ti accompagnano fino al porto della città. Poco distante da lì c’è il Mercado del Puerto, un vivace mercato coperto in cui si trova dal pesce alle empanadas, dai bar dove far colazione ai posti che cuociono la carne sulla griglia di fronte a te. Un’ottima opzione per un pranzo veloce prima di continuare a girare la città nell’unico giorno che io purtroppo ho avuto a disposizione per Montevideo.

Ma la scoperta dell’Uruguay non finisce qui, dopo Montevideo non era ancora tornato il momento di ripartire, per fortuna! Perché a circa 3 ore e mezza di auto dalla capitale, percorrendo statali, autostrade e anche qualche stradina sterrata in mezzo al nulla, si arriva in un posto speciale: Cabo Polonio. E proprio per la sua bellezza e per il fatto di essere un luogo fuori dal mondo, merita un articolo tutto suo. Hasta Luego! 

Video: Colonia del Sacramento

Iscriviti alla newsletter “Pillole dal Mondo”


Written by:



Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.