Travel blogger & Travel Designer

Asia In giro per il mondo India

Il Mehndi

6 Ottobre 2021

Il Mehndi

Ti ricordi quando, nella pillola sul matrimonio indiano, ti ho raccontato i vari riti della preparazione della sposa tra cui il Menhdi? Ma che differenza c’è tra il Mehndi e l’hennè?

Nessuna! La parola hennè ha origine arabe ed è un nome alternativo a quello della pianta da cui viene estratto, ovvero la Lawsonia Inermis. Il Mehndi invece è il termine hindi che indica proprio il tatuaggio con l’henne. Ma quali sono le usanze legate a questi meravigliosi disegni?

Il Mehndi in India

Il Mehndi Rat è uno dei riti di ogni matrimonio indiano e consiste nell’applicazione dell’hennè su piedi e mani della sposa, a cura delle amiche e della parte femminile della sua famiglia. Più scuro rimarrà il colore e più profondo sarà l’amore tra i due promessi, motivo per cui la futura moglie rimane ore e ore seduta per fare asciugare l’hennè nel miglior modo possibile. 

Esistono infiniti modelli di disegni tra cui molti hanno un significato simbolico ben preciso legato al matrimonio come ad esempio l’elefante che rappresenta Ganesh, che è il dio degli inizi, oppure i germogli e i motivi a zig zag che sono augurio di fertilità. Oppure il dhol e lo shenhau che sono gli strumenti tipici suonati al matrimonio. Un altro disegno molto utilizzato è quello dello sposo e della sposa insieme, oppure quello del baraat, che è la processione nuziale in cui lo sposo arriva a cavallo o su un elefante al luogo della celebrazione.

Il Mehndi in India però non si usa soltanto per i matrimoni ma anche prima di molti festival, come ad esempio il Diwali: questa è un’arte che le donne imparano fin da bambine e sono davvero bravissime!!!

L’henne nel mondo arabo

Un altro dei luoghi famosi per i suoi tatuaggi all’hennè è ovviamente il Marocco: anche qui le future spose alla vigilia del loro matrimonio vengono decorate come in India. Certo, i disegni non sono uguali a quelli indiani, ma il significato di buon auspicio è il medesimo e sono altrettanto stupendi! Ma come in Marocco, anche in Tunisia i tatuaggi all’hennè sono un’usanza prematrimoniale, mentre in molti altri stati dell’Africa questa usanza è utilizzata per celebrare nascite o feste particolari.

Ma il mondo arabo non racchiude solo i paesi africani, pensate che in Iran, la notte prima del matrimonio, entrambi gli sposi vengono decorati con l’hennè e questa cerimonia si chiama Hana bandan. E vi dirò di più, sempre in Iran, già ai tempi dell’Impero Persiano, l’hennè aveva un ruolo fondamentale nella cosmesi quotidiana delle donne.

Una pianta secondo me magica, che viene utilizzata da secoli per cosmesi e religione, con cui si possono creare bellissimi design, temporanei, e assolutamente non nocivi alla salute, anzi. Sai che per me è diventato terapeutico fare ghirigori con l’henné? Chissà, sarà per la possibilità di poter cancellare oppure perché è strano disegnare usando un cono? Oppure sarà perché, mentre dipingo, mi sento sempre avvolta e coccolata dall’odore dell’India?

Iscriviti alla newsletter “Pillole dal Mondo”


Written by:


previous post

Pillole di Shintoismo

next post

Le Cholitas


Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.